Torre del Barone Resort, Sciacca

Fortemente radicato nel suo contesto, il progetto del Crudo Bar, all’interno del Mangia’s Torre del Barone Resort, rende omaggio all’Insula Ferdinandea emersa nel 1831 proprio di fronte alla città di Sciacca a seguito di un’eruzione vulcanica sottomarina. Presa in possesso da parte della flotta inglese, l’isola, erosa dalle acque si smantellò in poco tempo fino ad assestarsi oggi a circa 6 metri di profondità lasciando ai Siciliani ed in particolare ai saccensi un’eredità inestimabile, il Corallo di Sciacca.

Progetto
Torre del Barone Resort _ Sciacca

Studio Architettura
Studio Van

Collezione
Multiplem custom _ Nerosicilia

Fotografo
Marcello Bocchieri

Il progetto propone, con diversi prodotti, la valorizzare della sala annessa al bar principale e della sua terrazza che si affaccia sul Canale di Sicilia.

La pavimentazione in pietra lavica naturale nella versione Multiplem laNera con delle vetrificazioni Colourfield Corallo alternato alle decorazioni opache e lucide de iRicami neri, riverbera la superficie di un mare notturno increspato, rimbalzando scorci di rete posta a soffitto e riflessi verdastri delle cuscinature.

Formato modulo 80x80cm
Spessore 1cm

Pavimentazione in pietra lavica naturale con vetrificazioni color corallo.

Piani tavolo in vetro riciclato

I riflessi di luci sono, inoltre, enfatizzati dalla superficie lucida dei tavoli tondi e quadrati in Nerosicilia Tech Colourfield nero lucido che come atolli sorgono dal pavimento in Multiplem.